Ed il MIT sviluppò il sesto senso


Quante volte al culmine dell’indecisione avete scelto il ristorante sbagliato in cui entrare rovinando così una serata speciale? La soluzione potrebbe stare nel vostro cellulare, e semplicemente puntando la fotocamera nella direzione esatta riceverete tutte le recensioni sovrapposte, in tempo reale. Da qualche mese il MIT di Boston sembra aver trovato la risposta a questo e molti altri problemi diffondendo un video di presentazione del progetto “Sixth Sense” nel quale si nota un ragazzo entrare in una libreria, afferrare un libro e visualizzare in tempo reale le recensioni Amazon, tramite dei sensori posizionati nelle dita. Non si tratta quindi dell’ennesima creazione di realtà inventata come ad esempio l’ormai dimenticato Second Life o il lancio di un nuovo social network, bensì di un’applicazione alimentata dalla crescente sofisticazione di cellulari e dispositivi portatili quali fotocamere e navigatori, e che individua come campo d’intervento anche il nostro stesso corpo umano, attraverso lenti a contatto bioniche e altre protesi intelligenti che permettono di sovrapporre strati di informazioni digitali, al mondo che ci circonda, come se apparisse davanti ai nostri occhi un lucido pieno di annotazioni.
Per la precisione viene definita Realtà Aumentata, un concetto a cui già ci siamo abituati grazie all’industria cinematografica, con film quali Minority Report o come in una delle scene iniziali di Fight Club nella quale Edward Norton si aggira nel suo appartamentino che sembra uscire direttamente dalle pagine del catalogo Ikea.
Il progetto del MIT che ha già mandato in fibrillazione tutto il mondo internet, è per ora solo un prototipo anche se già disponibile all’acquisto al costo di 350 dollari ed è composto da un proiettore, uno specchio e una videocamera, oltre che da un mini-computer con connessione internet da tenere in tasca.
Nel frattempo per chi desiderasse qualcosa di più portatile può tranquillamente fare affidamento sulla tecnologia iPhone Apple, attraverso la cui videocamera è possibile visualizzare annotazioni, dati e altri contenuti riguardanti una specifica area o visuale, grazie alla combinazione di Gps, sensori di inclinazione, accelerazione, e bussole digitali. Tecnologie che permettono di determinare dove si trova un dato dispositivo, come è orientato rispetto al suolo e in che direzione sta puntando.
Jeffrey Powers della società Occipitale, specializzata in tecnologia, con sede a Boulder, in Colorado, ha recentemente comunicato il lancio di un software per iPhone, che fa proprio questo. L’applicazione utilizza un modello tridimensionale della città di San Francisco, creato da un’apposita società di mappatura. Un video, pubblicato su YouTube all’inizio di quest’anno, mostra come l’applicazione è in grado di individuare la posizione di un individuo utilizzando l’immagine di un edificio e quindi visualizzare il percorso più breve per raggiungere lo Starbucks più vicino, con uno scarto di errore di solo 1 metro.
Molte altre sono le società e i settori che stanno investendo in questa tecnologia, ma merita sicuramente di essere menzionata una realtà più locale rispetto alle multinazionali Google o Microsoft, la quale ha subito intuito il potenziale di questa nuova tecnologia, sopratutto in un settore che necessita di continua differenziazione e rinnovamento per competere con altre capitali europee e quindi intercettare nuovi segmenti di mercatoi: mi riferisco alla città di Paigi che attraverso la Metro Paris Subway ha adottato un programma, scaricabile sull’iPhone, che permette a migliaia di turisti ogni giorno di orientarsi nell’affollata città Francese, individuando stazione bus o metro più vicini, semplicemente puntando il telefonino per terra  e seguendo le frecce direzionali che appaiono sullo schermo, permettendo così ai propri clienti-turisti di immergersi in un’autentica ed innovativa esperienza tecnologica e allo stesso tempo di aiutare i turisti evitando congestioni ed ottimizzandone i tempi.


Articoli Correlati:

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Scrivi un commento

Iscriviti alla Newsletter di Elation